The Gigi | WOMAN SS17
18399
page,page-id-18399,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,ajax_leftright,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.1,vc_responsive

WOMAN SS17

THE GIGI WOMAN

‘pensiero basico essenziale’

 

THE GIGI é il nuovo progetto che Pierluigi “Gigi” e Mario Boglioli, hanno lanciato dopo la cessione delle quote dell’azienda che ancora oggi porta il loro nome.

Gigi, classe 1957, cresce in una famiglia di sarti a stretto contatto con giacche, abiti e tessuti. Dopo gli studi inizia a lavorare come venditore nei negozi di famiglia, ma ben presto la sua passione per la ricerca e lo stile lo porta ad unirsi al team creativo di Boglioli. Oggi THE GIGI affida ad Ana Gimeno Brugada la cura di una prima piccola collezione donna per la primavera 2017.

Micro-collezione studiata e “customizzata” mischiando diversi codici identificativi dell’abbigliamento Basico.
Basico rinnovato, reso fruibile, trasversale e interscambiabile grazie a volumi, dettagli e accessori, e ad una palette di colori molto definita ed essenziale.
Dieci colori tinti in capo (bianco, écru, vino tinto, rosso, rosa baby, blue baby, oltremare, navy, salvia, kaki) con piping a contrasto. Base costante di cotone (popeline, ottoman, tela, gabardine oltre a lino e viscosa).

Ana Gimeno Brugada

“È possibile rendere tutto bello, anche l’oggetto più insignificante e banale: basta allenare l’occhio, al colore, alle proporzioni, alla bellezza” dice Ana Gimeno Brugada che da sempre vive una grande passione per lo Stile, anche quando questo diventa Moda.
Di origine Catalana, ha vissuto nella sua Barcellona gli anni importanti dell’esplosione e affermazione dei primi Designers spagnoli per poi trasferirsi a Milano e a Parigi per completare il suo percorso di persona curiosa e caparbia. Il suo mondo è stato sempre quello del “visual” in ogni sua accezione ed ha sempre operato da “freelance” per tante realtà della moda internazionale. Fondamentale per la sua formazione è stato il rapporto professionale e di stima con Dries Van Noten per oltre quindici anni. Un incontro ed un continuo confronto tra Barcellona e Anversa, due mondi apparentemente distanti eppure così vicini nella libertà di espressione e nella sensibilità verso l’essenzialità.